PROGETTO CORALLO:  nuovo progetto INTERREG riguardante le aree protette marine,

PROGETTO CORALLO: nuovo progetto INTERREG riguardante le aree protette marine,

Main Page

“Preparati a immergerti nelle nostre aree marine protette per conoscere le risorse in loro possesso … preparati a lasciarti ispirare dal team CORALLO.”

‘Il prezioso corallo rosso è un emblema del Mar Mediterraneo, essendo stato considerato un totem divino contro la malattia e il malocchio sin dall’antichità …. è anche un simbolo di resilienza, essendo sopravvissuto a millenni di sfruttamento da parte dell’uomo ……. CORALLO disegna il suo ispirazione dal potente simbolismo che questa specie rappresenta per il contesto marino mediterraneo. ‘

IL PROGETTO

La Sicilia e Malta sono soggette a un’intensa pressione di urbanizzazione, soprattutto nelle zone costiere e marine, nonché a risorse inadeguate e insufficienti per la gestione dei siti Natura 2000. L’attuazione delle misure di gestione all’interno dei siti Natura 2000 è inadeguata, cosicché gli stessi siti sono mal gestiti, con la conseguenza che la fruizione degli stessi siti non è adeguatamente regolamentata, determinando notevoli impatti ambientali. Un’altra caratteristica comune dei siti Natura 2000 siciliani e maltesi è il basso grado di apprezzamento, dovuto a un basso grado di   consapevolezza da parte del pubblico in generale delle risorse detenute dagli stessi siti, con solo un numero limitato di utenti / visitatori del sito Natura 2000 essere pienamente consapevoli di tali risorse.

Il PERCHÉ

L’obiettivo principale di CORALLO è la promozione di un maggior grado di consapevolezza tra gli utenti e i visitatori dei siti Natura 2000 in merito alle risorse di biodiversità detenute all’interno di questi stessi siti. CORALLO mira a sbloccare il potenziale inutilizzato di un certo numero di siti Natura 2000 a Malta e in Sicilia, promuovendo le risorse di vita e paesaggistiche in gran parte sconosciute e uniche di ciascun sito e il loro godimento responsabile. I tre obiettivi specifici del progetto (I. identificazione dei bisogni e delle caratteristiche dei siti Natura 2000, II. Promozione dei servizi ecosistemici e III. Sensibilizzazione) mostrano in modo tangibile e coerente come questo obiettivo principale può essere raggiunto.

L’ OMS

La composizione del consorzio CORALLO è complementare in quanto incorpora diverse tipologie di entità che sono tutte direttamente o indirettamente collegate agli aspetti di gestione dei siti Natura 2000 maltesi e siciliani, aumentando così la credibilità e la fattibilità del progetto in termini di successo dell’implementazione. Il consorzio comprende partner con un ruolo normativo ( ERA ,  ARPA ), un ruolo scientifico ed educativo ( Università di Malta ,  Università di Palermo ), un ruolo di gestione del sito ( Heritage Malta ,  Plemmirio MPA ) e un ruolo di disseminazione ( CoRiSSIA ), con ciascuno partner con competenze consolidate in ogni aspetto elencato.

L’  Università di Malta, in particolare il Dipartimento di Geoscienze, attraverso il suo accademico residente Prof.Alan Deidun, un biologo marino di formazione, possiede una vasta esperienza nella conduzione di attività di diffusione e sensibilizzazione relative al mare dato che il Prof.Deidun è il primo Oceano di Malta Ambasciatore da luglio 2018. L’Università di Malta sta coordinando il progetto CORALLO, svolgendo così un ruolo fondamentale nel coordinamento del progetto. L’Università di Malta sarà principalmente responsabile della formulazione del contenuto tematico di tali strutture di sensibilizzazione e della supervisione dello sviluppo, della fornitura e dell’installazione delle stesse strutture all’interno dei siti Natura 2000 identificati.

L’  Autorità per l’ambiente e le risorse (ERA), costituita nel 2016 a seguito della scissione di MEPA, opera nel quadro giuridico della Legge sulla Tutela dell’Ambiente. ERA è l’autorità competente responsabile della gestione complessiva dei siti Natura 2000. ERA è responsabile della designazione dei siti Natura 2000 e del mantenimento e / o ripristino delle caratteristiche programmate dei siti in uno stato di conservazione favorevole. L’ERA emana linee guida per la gestione e la conservazione dei siti protetti, stabilisce le misure di conservazione necessarie e adotta misure adeguate per evitare il deterioramento degli habitat o il disturbo significativo delle specie per le quali i siti sono stati designati. In qualità di partner esperto in comunicazioni ambientali, / istruzione e attività di sensibilizzazione del pubblico, ERA guiderà le comunicazioni del progetto. All’interno di CORALLO,

Heritage Malta è l’agenzia nazionale per i musei, le pratiche di conservazione e il patrimonio culturale, creata dal Cultural Heritage Act che è stato emanato nel 2002. Heritage Malta cerca di fornire ai suoi vari pubblici una migliore esperienza durante le visite ai vari siti e musei. Il patrimonio culturale può fungere da catalizzatore per il potenziale turistico di Malta e di conseguenza contribuire in modo significativo all’economia. Poiché i curatori di Heritage Malta hanno familiarità con la gestione di una parte di un sito Natura 2000, il suo pubblico e i suoi valori, l’agenzia parteciperà allo sviluppo concettuale del progetto. Inoltre, l’agenzia ospiterà parte dei materiali di comunicazione non mobile che deriveranno dal progetto e parteciperà quindi direttamente al loro sviluppo e implementazione per garantire che questi si integrino con la gestione esistente, il flusso di visitatori e l’interpretazione del Parco Archeologico all’interno del Sito Natura 2000. Una volta completato il progetto, Heritage Malta utilizzerà il quadro di gestione esistente che è già in atto ben oltre la durata del progetto. I materiali generati saranno anche accessibili, attraverso Heritage Malta, ai consigli locali e ad altre organizzazioni locali e nazionali che utilizzano l’area per vari eventi e attività. Una volta completato il progetto, Heritage Malta utilizzerà il quadro di gestione esistente che è già in atto ben oltre la durata del progetto. I materiali generati saranno anche accessibili, attraverso Heritage Malta, ai consigli locali e ad altre organizzazioni locali e nazionali che utilizzano l’area per vari eventi e attività. Una volta completato il progetto, Heritage Malta utilizzerà il quadro di gestione esistente che è già in atto ben oltre la durata del progetto. I materiali generati saranno anche accessibili, attraverso Heritage Malta, ai consigli locali e ad altre organizzazioni locali e nazionali che utilizzano l’area per vari eventi e attività.

L’  Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente  (ARPA) – Sicilia ( Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Sicilia in inglese) è una persona giuridica di diritto pubblico, dotata di autonomia tecnica, gestionale, amministrativa e contabile. Ha tra i suoi compiti istituzionali la protezione, il controllo e il monitoraggio dell’ambiente, che comprende anche gli ecosistemi marini, e la cooperazione con istituzioni e istituzioni che operano nel campo della prevenzione collettiva e della protezione ambientale. ARPA Sicilia svolge attività di monitoraggio delle acque marine territoriali e costiere, dispone di competenze tecnico scientifiche specialistiche e di strumentazioni utili per condurre ricerche sull’ambiente marino. ARPA può contribuire alla diffusione della conoscenza per l’uso sostenibile delle coste e del mare. In qualità di ente / istituzione responsabile regionale per la regolamentazione ambientale, ARPA Sicilia rappresenta un partner cardine all’interno del Consorzio CORALLO. L’ARPA Sicilia sarà responsabile dell’organizzazione del ruolo di divulgazione più oneroso in Sicilia, essendo responsabile della consegna di gadget promozionali del progetto, brochure, slot TV e persino flashcard con i codici di condotta di fruizione responsabile sviluppati all’interno di CORALLO. Sarà cura di ARPA Sicilia installare gli strumenti e le risorse di sensibilizzazione, all’interno dei centri visitatori mirati.

L’  Università degli Studi di Palermo, in particolare il Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche, Chimiche e Farmaceutiche, è stato incaricato di condurre analisi SWOT per i siti Natura 2000 mirati e di fornire una vasta gamma di materiale promozionale del progetto, inclusi clip, gadget e opuscoli di YouTube. L’Università degli Studi di Palermo è stata incaricata di garantire la partecipazione, nell’ambito delle riunioni periodiche del progetto CORALLO, dei due partner associati siciliani affiliati (Comune di Rosolini e AMP delle Isole Pelagie). L’Università degli Studi di Palermo sarà responsabile dello sviluppo di una serie diversificata di strumenti e risorse di generazione di consapevolezza mobili e non mobili destinati ai tre siti Natura 2000 mirati in Sicilia, nonché di installare telecamere a circuito chiuso subacquee e utilizzare antenne e droni subacquei per svolgere attività didattiche.

Il  Consorzio Plemmirio, formato dal Comune e dalla Provincia di Siracusa, svolge le attività di gestione dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e, più in generale, svolge funzioni di assistenza e supporto agli Enti locali in materia di tutela dell’ambiente marino e costiero del la costa provinciale. Le principali linee di azione, relative alla gestione dell’Area Marina Protetta, sono orientate alla conservazione degli habitat, alla diffusione della conoscenza ambientale con specifica attenzione al mondo dell’educazione, alla ricerca scientifica, alla promozione di iniziative di sviluppo sostenibile e al coinvolgimento attivo. di categorie sensibili per un uso più ampio e rispettoso del mare. L’AMP del Plemmirio farà parte del suo modernissimo centro visitatori, situato strategicamente all’interno dello storico forte all’estremità della penisola di Ortigia a Siracusa (Sicilia) disponibile, tale da poter ospitare al suo interno strutture e risorse di sensibilizzazione CORALLO. Il Consorzio del Plemmirio acquisterà anche innovative apparecchiature audiovisive da installare all’interno delle strutture esistenti del centro visitatori. Il Consorzio del Plemmirio parteciperà anche all’evento di divulgazione faro finale che sarà organizzato all’interno del Parlamento europeo a Bruxelles.

Il  Consorzio di Ricerca per lo Sviluppo di Sistemi Innovativi Agroambientali (CoRiSSIA) è un organismo equivalente a un consorzio di ricerca agroambientale. Le sue attività comprendono la ricerca applicata, lo sviluppo di proposte internazionali di R&I finanziate dall’UE nelle scienze ambientali e nelle risorse agricole, attività di formazione e divulgazione con una forte attenzione agli studi ambientali e al monitoraggio / gestione del sistema marino costiero siciliano. CoRiSSIA dispone di un ampio e moderno laboratorio attrezzato per analisi chimiche e microbiologiche, specializzato in monitoraggi agroambientali. CoRiSSIA ha oltre 16 anni di esperienza nella collaborazione a progetti regionali, nazionali e internazionali. CoRiSSIA ricopre importanti ruoli di divulgazione e sensibilizzazione all’interno di CORALLO, essendo incaricata della conduzione dello studio di analisi delle parti interessate per i siti Natura 2000 maltesi mirati, così come la strategia di disseminazione per i siti siciliani. A CoRiSSIA è stata inoltre affidata la produzione di una gamma diversificata di gadget promozionali, volantini e flashcard di codici di condotta, con la partecipazione all’evento faro finale a Bruxelles in seno al Parlamento europeo, con la formulazione del piano di attuazione per i siti siciliani interessati, e con la messa in servizio di un’imbarcazione ricca di risorse per attività di formazione transfrontaliere di punta.

Translate »